04.06.14
Forasacco, se lo conosci lo eviti

Fra le tante insidie estive c’è quella dei forasacchi che, in questo periodo, possono trasformare una passeggiata all'aperto in una situazione problematica. Naturalmente sono più a rischio la campagna e il giardino, ma anche certe zone di città possono non essere sicure. I forasacchi sono sostanzialmente le spighe delle graminacee selvatiche, che solitamente sono costituite da diverse decine di unità. Sono piccole, da uno a tre centimetri, con caratteristica forma appuntita e sono ispide su tutta la superficie: è per questo motivo che riescono a penetrare nella pelle dell'animale, provocando spesso profondi tragitti fistolosi. In seguito ai movimenti corporei avviene l’azione di penetrazione, sempre in avanti, perché a causa delle dentellature della loro superficie le spighe non possono fuoriuscire. Penetrano in tutte le parti del corpo e causano spesso seri e gravissimi danni. I forasacchi sono pericolosi quando seccano, quindi da maggio fino a tutto ottobre. Le parti dell'animale maggiormente esposte alla penetrazione dei forasacchi sono: il condotto uditivo, gli occhi, gli spazi interdigitali, le narici, le zona ascellari e inguinali, l’interno del prepuzio per i maschi, la vulva per le femmine e la regione perianale, sotto la coda. Gli animali a pelo lungo sono i più a rischio, perché i forasacchi si impiantano numerosi nel pelo e con il trascorrere dei giorni possono penetrare in vari punti del corpo. Se riescono a perforare la cute integra sono in grado di attraversare diversi strati cutanei sino a raggiungere gli strati muscolari profondi, creando un tragitto fistoloso con grave infezione. I segni clinici della presenza di forasacchi nell'orecchio sono caratterizzati da scuotimento della testa più o meno frequente: non sottovalutate mai questo sintomo! Se entrano nel naso, invece, possono anche arrivare nelle vie respiratorie profonde, causando problemi gravissimi: se si fermano nella narice causano frequenti e violenti starnuti ed improvvisamente possono verificarsi episodi di rinorragia, cioè perdita di sangue dalla narice in cui è penetrato il corpo estraneo. Inoltre, sospettate sempre la presenza di un forasacco quando l'animale appare improvvisamente con l’occhio chiuso, un po’ tumefatto e con un’intensa lacrimazione: consultare subito il veterinario, perché le conseguenze saranno più o meno gravi anche a seconda del tempo di persistenza del corpo estraneo, fino ad arrivare alla completa perforazione della cornea.

 

Ricordate sempre che i forasacchi penetrano in tutte le parti del corpo non solo del cane ma anche del gatto!

Qualche consiglio per prevenire:

evitare di condurre il quadrupede in campi con erba alta oppure tagliata, ma non raccolta e lasciata seccare in loco;

controllarlo accuratamente dopo ogni passeggiata in campagna o al parco;

provvedere ad un’adeguata ispezione del pelo tra le dita e intorno alle orecchie e spazzolarlo frequentemente;

mantenere il pelo abbastanza corto riducendo così anche il rischio di aggressione da parte di altri problemi estivi da non sottovalutare.

FAQ
La Filariosi Cardiopolmonare
La Leishmaniosi canina
Felici senza leishmaniosi
Malattia emorragica virale
Mixomatosi
Malattia emorragica virale, nuova variante (Mev 2)

Leggi tutte le FAQ >





CONTATTACI
Se volete avere maggiori informazioni sui nostri servizi contattateci:

Nome: Cognome: Email: Telefono: Messaggio: