29.12.12
Botti di Capodanno: il decalogo per proteggere i nostri animali

La sera più traumatica dell’anno per gli animali è alle porte. Ecco alcuni consigli da seguire per tenerli il più possibile al sicuro dai botti di Capodanno.

 

Come ogni anno la preoccupazione per i botti di Capodanno è alta, anche per i nostri amici animali. Sono ormai noti i terribili effetti che petardi e fuochi d’artificio possono provocare. Per questo motivo, già da alcuni anni, ecco stilato un decalogo dei comportamenti da seguire e degli accorgimenti da adottare per tenere al sicuro gli animali domestici:

1) non mostrarsi troppo protettivi verso gli animali e non guardarli negli occhi quando scoppiano i petardi, si aumenterebbe la loro paura;

2) tenerli in appartamento, meglio se in una stanza lontana dai rumori e in penombra, con un rifugio magari sotto al letto;


3) minimizzare l’impatto dei botti accendendo radio o tv; 

 4) non lasciarli soli in giardino o in balcone, potrebbero farsi male, scappare o buttarsi di sotto. Togliere dagli esterni gabbie di uccelli, roditori e altri animali;

5) non tenere i cani legati a catena, potrebbero strozzarsi;

6) passeggiare con i cani saldamente al guinzaglio. Nei casi più gravi, chiedere al veterinario se tranquillizzarli con un blando sedativo, rimedi omeopatici o di erboristeria;

7) assicurarsi per tempo che gli animali siano identificabili con microchip, tatuaggio o medaglietta;

8) se l’animale scompare, cercarlo subito in zona. Potrebbe essersi nascosto poco distante da casa.

9) contattare il canile comunale di zona e le associazioni animaliste di zona per comunicare la scomparsa e presentare denuncia di smarrimento a Vigili o Carabinieri;

10) preparare una locandina con foto e telefoni, affiggerla intorno casa e diffonderla via Internet a siti ed e-mail animaliste.

 

Già diversi comuni italiani hanno lanciato appelli e divieti ai propri cittadini affinché si evitino, o almeno limitino, gli spari di botti e fuochi d’artificio. «I forti rumori - spiega Ilaria Innocenti, responsabile Lav per il settore cani e gatti - sono fonte di pericolo per gli animali poiché li gettano nel terrore, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate, come fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri».

 

Anche per i selvatici il benvenuto al nuovo anno non è migliore: gli spari improvvisi causano negli uccelli in riposo sui posatoi notturni istintive reazioni di fuga che unite alla mancanza di visibilità diventano mortali. «La mezzanotte del 31 dicembre per gli animali selvatici è un momento d’inferno - afferma Massimo Vitturi, responsabile per caccia e fauna selvatica - il rischio maggiore riguarda gli uccelli delle aree urbane, che fuggendo muoiono sbattendo contro case, lampioni o automobili».

 

(da La Stampa)

27/12/2012

 

 

FAQ
La Filariosi Cardiopolmonare
La Leishmaniosi canina
Felici senza leishmaniosi
Malattia emorragica virale
Mixomatosi
Malattia emorragica virale, nuova variante (Mev 2)

Leggi tutte le FAQ >





CONTATTACI
Se volete avere maggiori informazioni sui nostri servizi contattateci:

Nome: Cognome: Email: Telefono: Messaggio: