Anche i cani necessitano di cure dentali

Alito cattivo, gengive arrossate, perdita di denti, difficoltà di masticazione e tartaro sono tutte manifestazione di un problema purtroppo molto comune nei nostri animali, la malattia periodontale. Si tratta di una patologia che colpisce l’80% dei cani di età superiore ai 3 anni; é più frequente in cani di razze piccole o toy e in animali con persistenza dei denti da latte, malocclusione o masticazione alterata.

Proprio come nel cavo orale dell’uomo, il processo inizia con la formazione della placca che è una pellicola batterica invisibile che si sviluppa sulla superficie dei denti: se non viene rimossa, la placca, mineralizzando, si trasforma in tartaro. Dalla superficie visibile dei denti, si diffonde sotto la gengiva, dove provoca un'infiammazione detta gengivite. I batteri che si diffondono sotto la gengiva possono indurre gradualmente anche lesioni più profonde (distruzione delle gengive, danneggiamento dell’osso alveolare che sostiene il dente); queste alterazioni allentano il dente, che diviene sempre più mobile.

Oltre alla perdita del dente, la malattia periodontale ha conseguenze più gravi. I milioni di batteri presenti in una bocca non sana possono diffondersi ad altre parti del corpo e provocare o acuire patologie polmonari, renali, epatiche e cardiache. La buona notizia è che la malattia periodontale è completamente prevenibile: l'arma principale è rappresentata dallo spazzolamento dei denti, con spazzolini e dentifrici creati appositamente per gli animali. I dentifrici specifici sono senza fluoro, hanno un’azione antiplacca e sono aromatizzati al malto, al pollo e al pesce di mare.E’ possibile insegnare al nostro quattrozampe a sottoporsi regolarmente alla pulizia dei denti: bisogna iniziare a strofinare piano i denti con un dito, cominciando dal lato esterno: quando l’animale si abitua alla procedura, si può aprirgli la bocca e strofinare anche la parte interna. Dopo qualche settimana si può passare all'apposito spazzolino. Se però siamo in presenza di tartaro é necessaria la detartrasi, eseguita in anestesia generale con l'ablatore ad ultrasuoni.

Per i denti che presentano mobilità o fenomeni evidenti di riassorbimento radicolare sarà necessaria l'estrazione ed anche i denti da latte persistenti dovranno essere rimossi, per impedire la formazione della placca tra la loro corona e quella dei denti definitivi. La detartrasi si conclude con la lucidatura dei denti, indispensabile per eliminare le rugosità che favorirebbero l’adesione di nuova placca.

CONTATTACI
Se volete avere maggiori informazioni sui nostri servizi contattateci:

Nome: Cognome: Email: Telefono: Messaggio: